Social

Ultima recensione

On Stage

Sponsored Links

Banner
Notice
News
LIONHEART: Second Nature PDF Stampa E-mail
Mercoledì 23 Agosto 2017 18:38 MaZZo   

LHSN


( 2 Voti )

In un momento in cui la scena AOR è più fervida che mai, con una schiera quasi inesauribile di giovani band scandinave che sembrano pronte a rinverdire i fasti del rock melodico, tornano i LIONHEART con il loro secondo album, Second Nature.

Il gruppo, formatosi nel 1980, venne etichettato da molti come il primo supergruppo della NWOBHM, potendo contare nelle sue fila Dennis Stratton (ex-Iron Maiden), Steve Mann (ex-Liar), Jess Cox (ex-Tygers of Pan Tang), Rocky Newton (ex-Wildfire) e Frank Noon (ex-Def Leppard).
Tra il 1981 e il 1984 l’attività della band venne caratterizzata da molti concerti e da un buon numero di cambi di line up. Attorno al trio formato dai due chitarristi Stratton e Mann ed al bassista Newton ruotarono numerosi nomi noti della NWOBHM tra cui i cantanti Rueben Archer, John Farlham and Bob Hawthorn.
Ad un certo punto Dennis e Rocky decisero di dividersi il ruolo di cantante e nel frattempo continuarono ad alternarsi i batteristi, tra i quali non possiamo non citare Les Binks (ex-Judas Priest), Nicko McBrain (ex-Trust, poi negli Iron Maiden) e Clive Edwards (ex-Wild Horses).
Dopo aver confezionato un ottimo demotape ed aver fatto da opening act per Def Leppard and Whitesnake, la CBS Records statunitense offrì ai LIONHEART un contratto. Venne reclutato Chad Brown come cantante, mentre le pelli vennero affidate al session-man Bob Jenkins. Hot Tonight, il primo album dei LIONHEART, venne registrato a Los Angeles nei famosi Sound City Studios e prodotto da Kevin Beamish.
La qualità dell’album era ottima ma non poté superare lo scoglio posto dagli scarsi investimenti promozionali della CBS. Rimase tra le gemme nascoste di un hard rock melodico senza tempo, mentre gli artisti che componevano i LIONHEART, dal 1986, avevano iniziato a disperdersi in band che potessero assicurare la loro sopravvivenza: UFO, Michael Schenker Group, Praying Mantis, Eloy, Sweet, Airrace, per citarne alcuni.

La riformazione dei LIONHEART è targata 2016, quando Dave Herron, l’organizzatore del Rockingham Festival di Nottingham, chiese ai LIONHEART di riunirsi per una esibizione. La riformazione della band vede Stratton, Mann e Newton, insieme al cantante Lee Small (Shy, Phenomena) e al batterista Clive Edwards (ex-UFO, ex-Wild Horses) che aveva già, militato nei LIONHEART.
Lo stuolo di fan si risvegliò velocemente alla notizia di un ritorno sul palco della band e i consensi giunsero a frotte. Sarebbe stato un peccato se si fossero limitati a una sola apparizione.
Il nuovo album, Second Nature, è stato concepito e registrato tra novembre 2016 e maggio 2017 ed è stato prodotto dalle sapienti mani di Steve Mann nel suo studio di Hannover.
Una gloriosa apparizione allo Sweden Rock ha preceduto l’uscita dell’album in Giappone, in concomitanza con un tour giapponese che ha visto i LIONHEART esibirsi in compagnia dei Praying Mantis.
A fine agosto 2017, l’album esce in Europa per la AOR Heaven. Un album davvero spettacolare che ci riporta al meglio degli anni Ottanta e della faccia più melodica della NWOBHM. Ma non si guarda solo al passato.
Fin dalle prime note di “Give Me The Light”, firmata da Dennis Stratton, ci troviamo a nostro agio tra eccellenti melodie, splendide armonie vocali e un nucleo di musicisti che forgia passaggio per passaggio come solo i veri esperti sanno fare. Dopo troviamo una bella cover di “Don't Pay The Ferryman” di Chris De Burgh, lanciato come primo singolo estratto dall’album. “Angels With Dirty Faces” è un’altra traccia che combina melodia e grinta come pochi sanno fare in questo modo.
La voce di Small è vellutata e potente ed i cori di Stratton e Mann non fanno prigionieri. “30 Years” scorre i trent’anni trascorsi dalla dipartita di Stratton dagli Iron Maiden ed è ispirata alla rinnovata amicizia con Steve Harris. Un pezzo in qualche modo autobiografico, con un gran ritornello, che celebra il valore dell’amicizia. “On Our Way” è uno degli episodi più soft dell’album, una specie di ballad strumentale firmata da Steve Mann, che mette in luce tutta la capacità strumentale dei nostri. Assolutamente godibile.
I leoni tornano con la titletrack “Second Nature”. Gli elementi sono quelli che abbiamo citato, la calda voce di Small e il richiamo della foresta dei suoi leoni che sfornano maestria strumentistica e cori a più non posso. In “Prisoner” escono anche gli artigli, con una melodia mozzafiato, ripetuti cambi di ritmo e cori che ricordano un po’ i trascorsi di Dennis Stratton nei Praying Mantis. Torniamo al lato più avvolgente della musica dei LIONHEART con la successiva “Every Boy In Town”, un’altra cover. Cori perfetti, assoli brillanti e un gran lavoro vocale di Lee Small. Riff potenti avviano invece “Time Is Watching”, che mescola durezza e armonie vocali. La successiva “Heartbeat Radio” è un altro piccolo capolavoro che riporta al rock melodico degli anni ‘70 e ’80. Pezzone. Un ritorno al passato con la successiva “Lionheart”, uno dei primi brani concepiti dalla band all’inizio degli anni Ottanta, ma mai apparso su album. Un assaggio dei LIONHEART che in pochi avevano avuto modo di sentire, prima ancora dell’uscita di Hot Tonigh, che ci rituffa nel misto di fumo e nebbia del Marquee e dei locali londinesi di 35 anni fa. Si chiude con “Reprise” che rielabora in chiave sinfonica una porzione di “Second Nature” e ci ricorda come solo il Rock and Roll (anche grazie ai LIONHEART) ci potrà salvare!!!
Discone!!

Marco Gamba

 
Iron Maiden al 10° posto fra i migliori debut album di tutti i tempi per la rivista Classic Rock PDF Stampa E-mail
Domenica 20 Agosto 2017 06:20 MaZZo   

top100


( 2 Voti )

I lettori della nota rivista britannica Classic Rock e i seguaci del network sui social media hanno votato per nominare i migliori debut album della storia del rock.
Le sorprese nelle prime posizioni non sono moltissime e di certo queste classifiche hanno più che altro un significato “social" più che musicale, ma è bello notare come Iron Maiden si sia piazzato al decimo posto. Una posizione assolutamente onorevole per un album il cui valore non si celebra mai abbastanza.

Nella Top Ten troviamo anche Back Street Symphony dei Thunder (8°), King Crimson (In The Court Of The Crimson King è settimo) e l’omonimo disco dei Black Sabbath (6°).

Sebbene Steve Harris abbia ripetutamente dichiarato di odiare la produzione di quel disco, ci pare proprio che Iron Maiden non potesse mancare in questa classifica.

Sul podio sono arrivati Van Halen (Van Halen è al terzo posto) e Led Zeppelin con Led Zeppelin I.
Medaglia d’oro per Appetite For Destruction dei Guns N’ Roses.

La Redazione di Eddie’s

 
Nicko Mcbrain At The School Of Rock PT-03 PDF Stampa E-mail
Giovedì 17 Agosto 2017 08:21 MaZZo   
 
Ecco come sarà il fumetto di Eddie PDF Stampa E-mail
Giovedì 17 Agosto 2017 08:09 MaZZo   

comic520


( 2 Voti )

Il primo fumetto in assoluto degli Iron Maiden sta per essere pubblicato dalla Heavy Metal Publishing. Come già si era intuito, il fumetto è basato sul gioco online Iron Maiden: legacy Of The Beast dove i giocatori impersonano le varie incarnazioni di Eddie dall'Antico Egitto di Powerslave fino al lontano futuro di The Final Frontier.
Sono previsti cinque albi scritti da Llexi Leon e Ian Edginton e illustrati da Kevin J. West, Jason Gorder e Santi Casas.
Il primo volume della serie sarà disponibile dal 11 Ottobre ma è già possibile preordinarlo (vedi link più sotto).
La serie di fumetti espande la linea narrativa del videogioco: mentre delle forze oscure stanno cospirando per alterare il tessuto stesso della realtà che ci circonda, l'anima immortale di Eddie è spezzata e dispersa attraverso il cosmo, lasciando un indebolito e primordiale Eddie a combattere attraverso lo spazio e il tempo nel tentativo di recuperare i pezzi della propria anima.

Fonte: ironmaiden.com
Fonte: heavymetal.com
Preorder (EUROPE): archonia.com

La Redazione di Eddie's

 
Lionheart: nuovo video PDF Stampa E-mail
Martedì 08 Agosto 2017 10:47 MaZZo   

lionvideo


( 3 Voti )

Dennis Stratton e i suoi LIONHEART hanno pubblicato il video ufficiale di: "Don't Pay The Ferryman" tratto dal nuovo album: "Second Nature", già disponibile in Giappone mentre la pubblicazione europea è prevista per il 25 Agosto tramite AOR Heaven.
Gustiamocelo insieme!!!

La Redazione di Eddie's

 
Blaze Bayley - Endure and Survive USA & CANADA tour PDF Stampa E-mail
Martedì 08 Agosto 2017 07:54 MaZZo   

blazeUSAtour


( 3 Voti )

Inizia il tour Americano di Blaze a supporto dell'ultimo album, prima data quella del 9 agosto a Sellersville in Pennsylvania per chiudere il 9 settembre a Seattle.
La scaletta presenterà brani degli ultimi due lavori solisti più vecchi classici sia dell'era Maiden sia dell'era solista.
Come di consueto, l'ex frontman degli Iron Maiden ha voluto precisare che al termine di ogni concerto, ci sarà un meet and greet gratuito in cui sarà possibile incontrare l'artista per foto ed autografi.

Di seguito l'elenco delle date come riportate dal sito ufficiale www.blazebayley.net:

8/9 Sellersville, PA Sellersville, Theater
8/10 Brooklyn, NY Saint Vitus
8/11 Poughkeepsie, NY The Chance
8/12 Rockbridge Baths, VA (Private show)
8/13 Baltimore, MD Fish Head Cantina
8/15 Syracuse, NY Sharkey’s
8/16 Montreal, QC Piranha Bar
8/17 Ottawa, ON Brass Monkey
8/18 Quebec, QC L’Anti
8/19 Toronto, ON Rockpile
8/20 London, ON East Side Bar and Grill
8/21 Detroit, MI Token Lounge
8/23 Newport, KY Southgate House Revival
8/25 Janesville, WI Backbar
8/26 Bolingbrook, IL Tailgaters
8/27 St. Louis, MO Fubar
8/30 Ft. Worth, TX Rail Club
8/31 Austin, TX Come and Take it Live
9/1 Houston, TX Concert Pub North
9/2 San Antonio, TX Rockbox
9/4 Hollywood, CA Whisky A Go Go
9/5 San Diego, CA Brick By Brick
9/7 Eugene, OR Old Nick’s
9/8 Portland, OR Bossanova Ballroom
9/9 Seattle, WA El Corazon

La Redazione di Eddie's

 
Hallowed beer: aperti i preordini PDF Stampa E-mail
Giovedì 03 Agosto 2017 07:20 MaZZo   

TROOPERHallowed productimage


( 4 Voti )

Sono aperti i preorder per la nuova birra targata Iron Maiden/Robinsons Brewery: Hallowed.
Chi effettuerà il preorder avrà a disposizione la birra a casa propria ben un mese prima della vendita nei negozi ovvero a settembre.
In più per ogni preordine effettuato sono previsti alcuni omaggi: un adesivo e un esclusivo portachiavi/apribottiglie targato Trooper Beer.
Inoltre chi effettuerà un acquisto di almeno 2 casse riceverà un ulteriore omaggio: un laccetto porta badge sempre targato Trooper e sempre fornito di apribottiglie.
Alcune informazioni di massima: si possono effettuare preordini solo di casse da 12 e non si singole bottiglie; i costi di spedizione per l'Italia sono molto elevati ma se preordinate 2 casse invece di 1 i costi di spedizione non cambiano!

Inoltre tra tutti coloro che preordineranno la Hallowed sarà estratto un fortunato vincitore di un "bar runner" autografato da Bruce Dickinson!!!

Tutte le informazioni e il link per ordinare adesso la Hallowed Beer sono al seguente indirizzo: Preorder Hallowed Beer

La Redazione di Eddie's

 
Concorso EMP: vinci Playstation 4 PDF Stampa E-mail
Lunedì 31 Luglio 2017 20:09 MaZZo   

empps4


( 4 Voti )

Anche se non proprio Maiden related, vi segnaliamo un concorso di EMP Mailorder Italia per potersi accaparrare una PS4 con visore VR.
Eccovi il link diretto con le tutte le info: EMP regala Playstation 4

La Redazione di Eddie's

 
Ad ottobre l’autobiografia di Bruce Dickinson PDF Stampa E-mail
Giovedì 27 Luglio 2017 16:47 MaZZo   

biobruceok


( 7 Voti )

Ebbene si, il 19 ottobre uscirà la prima autobiografia ufficiale di Bruce Dickinson, scritta direttamente dall'artista!
Erano anni che si vociferava di questa opera e finalmente si ha una data ed un titolo: What Does This Button Do?, per quello che sarà uno dei libri autbiografici più attesi dai fan degli Iron Maiden.
Per ora non è stata ufficializzata la versione Italiana che speriamo verrà edita a breve, la bio verrà pubblicata per HarperCollins NonFiction.
I pre order per la versione inglese sono già attivi a questo link: http://ironmaiden.com/whatdoesthisbuttondo/
Le prime stampe della versione UK con copertina rigida, avranno i bordi esterni delle pagine di colore nero (vedere foto allegata).

La redazione di Eddie's

 
Tornano i British Lion con un tour europeo PDF Stampa E-mail
Mercoledì 19 Luglio 2017 17:23 MaZZo   

bl2017tour


( 5 Voti )

I British Lion calcheranno i palchi europei anche in questa torrida estate 2017.
Non sono però state comunicate date in Italia.

Fonte: ironmaiden.com

La Redazione di Eddie's

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 65